Salta al contenuto principale

Il franchising internazionale

Come creare valore mediante innovazione e brand-insegna

Obiettivi

Il franchising è una potente leva di sviluppo dell’azienda nei mercati esteri: basato su un modello di business dai contenuti realmente differenziati e difendibili, è adatto a replicare il concept retail contribuendo alla brand awareness ed al sostegno del posizionamento premium price.
In questo corso presenteremo le diverse formule di franchising internazionale e ne indicheremo la corretta impostazione strategica.

A chi è rivolto

Direttori commerciali, Direttori generali, amministratori ed imprenditori interessati ad approfondire il tema del franchising quale leva di internazionalizzazione dell’impresa

I temi trattati

Il sistema franchising in Europa e nel mondo: le diverse accezioni e le implicazioni metodologiche.
Formule di franchising internazionale a confronto (master franchising, area development, area representative)
Modellizzazione: creazione del modello franchising, concept e know-how
Sperimentazione iniziale ed a livello internazionale
Creazione del sistema a livello single-unit ed a livello Paese/ macro-area
Struttura-Paese e scelta della formula franchising più adatta

DOCENTE

RAFFAELLA CÒNDINA

Raffaella Còndina opera nella consulenza di direzione aziendale dai primi anni ‘90, ed è specializzata in Marketing e Sviluppo Franchising; ha fondato la CONDINA & associati.
E’ membro di ADICO, Ass. Direttori Commerciali e Marketing Manager, ed è iscritta all’Albo Consulenti ed Esperti di ASSOFRANCHISING.
E’ autrice di “Come diventare internazionali”, dedicato all’internazionalizzazione delle imprese, 2004 ed. JRP.

Co-autrice del libro "Franchising: i protagonisti, le case history di successo e le opportunità di investimento" (capitolo "Il franchising internazionale), 2004 ed. Confservizi.
Co-autrice del libro “Know-how e professionalità: la distribuzione dei servizi nei sistemi a rete”, 2005 ed. Il Sole 24 Ore Editore. 

Corsi correlati

Marketing e vendite

La rete distributiva: il mix ottimale per l'estero