Salta al contenuto principale

Diamo i numeri

Come le emozioni interferiscono nell'apprendimento?

Contenuti

Il nostro cervello è plastico ed è strettamente connesso alle emozioni, anche se si parla di numeri. Quando Daniela Lucangeli racconta il modo in cui i bambini apprendono la matematica e il perché molti la odiano, ci si commuove e si entra in un mondo ai più misterioso dove si ritrovano molte risposte sul nostro cervello e su come favorire l’apprendimento. In un contesto come quello organizzativo dove oggi molto deve essere appreso di nuovo, dove il nostro cervello deve fare i conti con le resistenze al disimparare, dove i numeri e gli algoritmi guidano le decisioni, le ricerche della Lucangeli possono essere fonte di grande ispirazione a manager che hanno il compito di facilitare il processo di apprendimento nei propri team, contando sulle emozioni e non nonostante queste.

Coordinamento

VALERIA CANTONI

Presidente di ArtsFor, società che a partire dall’incontro tra le humanities e le diverse discipline crea progetti culturali e percorsi di cambiamento e apprendimento organizzativo incentrati sullo sviluppo della persona nella sua integralità. Filosofa e mediatrice umanistica del conflitti, approccio che ha applicato alle organizzazioni per promuovere “leading by-heart”, un nuovo modello di leadership inclusiva e creare ambienti di lavoro emotivamente sicuri, fertili e antifragili. Dal 2007 è docente del corso "Arte e Impresa" all'Università Cattolica di Milano e dal 2015 è membro del CDA della Fondazione Adolfo Pini, dove ha ideato e dirige il progetto Casa dei saperi, un luogo di apprendimento continuo e scambio pluri-disciplinare tra e con i millennial sul tema delle nuove utopie applicate alla vita e al lavoro. Ha tre fonti di apprendimento: i libri, la lunga esperienza con le persone nelle imprese, i figli adolescenti, che la pongono ogni giorni di fronte all’inatteso. Da febbraio 2020 si aggiunge anche il Covid19.

Ospite

DANIELA LUCANGELI

Professore Ordinario in Psicologia dell'Educazione e dello Sviluppo presso l’Università degli Studi di Padova. È Presidente dell’ International Academy for Research in Learning Disabilities – IARLD e Presidente nazionale  del Coordinamento Nazionale Insegnanti Specializzati - CNIS. È membro di associazioni scientifiche nazionali e internazionali nell'ambito della psicologia dello sviluppo e dell'apprendimento. Le sue principali aree di ricerca sono: i processi maturazionali del neurosviluppo con particolare attenzione al rapporto tra apprendimento ed emozioni. Gli ambiti di ricerca sperimentale in specifico riguardano i trend evolutivi, l’intelligenza numerica e le difficoltà di apprendimento. È membro del comitato di redazione di molte riviste specializzate come Journal of Learning Disabilities, autrice di numerosi contributi di ricerca e di diversi libri, tra cui l’ultimo A mente accesa pubblicato lo scorso settembre.

Corsi correlati