Salta al contenuto principale

Il pensiero prospettico e strategico

L'approccio "antifragile" per affrontare l'inatteso

Il contesto

Nello scenario attuale diviene essenziale comprendere come trarre vantaggio dagli imprevisti e dagli errori, applicando processi cognitivi, emozionali e istintivi come antidoto per immaginare e applicare percorsi strategici in grado di “far prosperare nel disordine”.
La nostra propensione a giudicare immediatamente e trovare il significato di quello che accade, ostacola la nostra capacità di essere consapevoli di quello che realmente accade, soprattutto nei confronti dei mercati turbolenti e imprevedibili.

Gli obiettivi

Superare le preoccupazioni e le ansie affrontando i “cigni neri”
Sperimentare come riuscire a “navigare nel disordine”

Comprendere e riprodurre i percorsi mentali per conciliare le facoltà cognitive, emozionali ed istintuali
Sviluppare l’antifragilità per aumentare i margini di manovra davanti alle minacce

I temi trattati

La scoperta dei “cigni neri” del futuro individuati da Nassim Taleb
I percorsi mentali per combattere i nemici del pensiero strategico e prospettico e per non farsi giocare dal caso e dall’imprevedibilità

L’impiego integrato dei “tre cervelli” per incrementare le facoltà mentali
Dalla resilienza all'antifragilità
Take away condensato in un “manualetto

DOCENTE

GIAN CARLO COCCO

E’ Presidente della Gian Carlo Cocco Sagl. Iscritto all’Albo degli Psicologi, è stato fondatore e Presidente della Ideamanagement srl. (1993-2006), E' stato docente della Scuola di Direzione Aziendale dell'Università Bocconi, attualmente coordina progetti di consulenza e di formazione sulla valorizzazione del capitale umano d’impresa, sullo sviluppo dei processi di innovazione e sulle neuroscienze applicate al management. Ha operato direttamente e più spesso coordinato gruppi di lavoro per i vertici di oltre cento imprese italiane e multinazionali in progetti di consulenza e formazione. E’ Professore a contratto alla Facoltà di Economia dell’Università e-Campus di Novedrate ed è titolare dei corsi: “Intelligenze Manageriali”. ed “Economia del capitale umano”. Coordina il progetto di volontariato “Un Ponte sul Futuro”  destinato alla valorizzazione dei futuri manager nell’ambito di Manageritalia.
Coordina una ricerca scientifica sulle neuroscienze applicate al management che consentirà di produrre nuovi approcci di consulenza e formazione nel comportamento organizzativo. Ha pubblicato numerosi articoli e oltre venti libri sul management tra i quali Neuromanagement e Governare l’impresa con il capitale umano editi da FrancoAngeli. Collabora con il CFMT dalla sua fondazione.

Corsi correlati