Salta al contenuto principale

Coltivare l'ascolto empatico

Due monologhi non fanno un dialogo

Obiettivi

L’ascolto fa parte del nostro quotidiano, ma a causa di continui stimoli, sollecitazioni, tempi rapidi,
aumento di interazioni in remoto è diventata un’attività complessa. Un’arte che va esercitata e affinata
con tecniche specifiche.

Con il crescente aumento di comunicazioni e negoziazioni, soprattutto a distanza, è importante
chiedersi:
· sto ascoltando veramente ciò che mi stanno dicendo i miei interlocutori/collaboratori ?
· sono concentrato sugli interlocutori o solo su cosa dire per sostenere le mie ragioni e i miei obiettivi precostituiti ?
· per me è più importante avere ragione o raggiungere un obiettivo condiviso?

Grazie all’ascolto è possibile, verificare se ci sono disallineamenti dagli obiettivi, scoprire punti di vista
diversi ed esplorare nuove prospettive, far sentire “la presenza” del Manager per un miglior equilibrio
relazionale con i collaboratori che lavorano a distanza, ma anche “vendere” noi stessi o le nostre idee in
una modalità di leadership comunicazionale più efficace.

E questo apre scenari spesso impensabili, crea valore e fiducia per noi e per chi si relaziona con noi (collaboratori, referenti, stakeholder, clienti…famigliari, amici)

A chi è rivolto

Il corso è indicato a tutti i manager che:

- Desiderano fare il punto sul tema dell’ascolto come predisposizione per una maggiore ed efficace
comprensione dell’altro e di quello che realmente ci vuole comunicare
- Aumentare la propria autoconsapevolezza sulla capacità di ascolto
- Apprendere tecniche per una comunicazione e negoziazione più efficace in presenza e da
remoto

I temi trattati

- L’arte dell’ascolto
- Come eliminare i filtri, i pregiudizi e separare i fatti dalle percezioni
- Come mantenere l’attenzione
- Esercitazioni e strumenti di autoconsapevolezza da sperimentare in aula

DOCENTE

FRANCESCA IPPOLITO

Formatore ed Executive Coach si occupa di percorsi di gruppo e individuali sia nel potenziamento e la valorizzazione delle competenze professionali, sia nel raggiungimento di obiettivi di business e lo sviluppo di progetti start up, che nella gestione e la motivazione delle risorse interne - anche in contesti di forte cambiamento come aggregazioni, fusioni - riorganizzazioni aziendali o fasi di transizione di carriera.
In qualità di Coach ha conseguito l’accreditamento internazionale PCC (Professional Certified Coach) presso l’ICF (International Coaching Federation).
Svolge anche attività di Consulenza e Formazione per la definizione e realizzazione di progetti in tema di: Organizzazione aziendale e Benessere Organizzativo con un focus specifico verso progetti di welfare aziendale, smart working e conciliazione vita/lavoro.