Salta al contenuto principale

Il manager designer

Progettare semplicità

Il percorso

L'incontro fa parte del percorso "KEEP IT SIMPLE: progettare semplicità per gestire complessità".

Un nuovo ciclo di incontri dedicato ad un approccio alla leadership, più inclusivo e autorevole, che utilizza il concetto di Semplicità come strumento manageriale chiave nella capacità di affrontare la complessità, a partire dalla disponibilità a mettere in discussione procedure e certezze acquisite e fissate in pratiche ormai consolidate.

Capiremo qual è il vero significato della Semplicità, a cosa serve, quando e come usarla e come metterla al servizio di sé, del gruppo di lavoro e degli obiettivi dell’organizzazione.

L'obiettivo è aiutare i manager a diventare efficaci designer di dialoghi, conversazioni e comunicazione, a partire dallo sviluppare capacità di costruire significati condivisi e assumere la responsabilità di saper togliere il superfluo per arricchire.

Ogni incontro si costruisce con una struttura a “imbuto” che a partire da momenti ispirativi arriva a definire check-list comportamentali sul tema della semplificazione.

Gli altri appuntamenti del percorso:

Contenuti

Non tutto è semplificabile, la complessità spesso va gestita in modo progettuale, senza temerla.

Così il manager deve trasformarsi in designer.

Il manager designer è chiamato ad affrontare la complessità in modo progettuale come processo, trasformando domande complesse (del mercato, dell’organizzazione, del team) in risposte semplici ed efficaci. 

Questo tipo di capacità comporta la consapevolezza che semplificare è un lavoro, che implica molta competenza e capacità progettuali.

Più si è capaci di rendere semplice e immediato un concetto, un prodotto o un servizio che risponde a domande complesse, maggiori competenze e conoscenze sono richieste.

DOCENTI

VALERIA CANTONI

Presidente di ArtsFor, società che a partire dall’incontro tra le humanities e le diverse discipline crea progetti culturali e percorsi di cambiamento e apprendimento organizzativo incentrati sullo sviluppo della persona nella sua integralità. Filosofa e mediatrice umanistica del conflitti, ha creato “Leading by heart”, progetto e metodo formativo per una leadership inclusiva che sa creare ambienti di lavoro emotivamente sicuri, fertili e antifragili. Dal 2007 è docente del corso "Arte e Impresa" all'Università Cattolica di Milano e dal 2015 al 2021 è stata membro del CDA della Fondazione Adolfo Pini, dove ha ideato e diretto il progetto Casa dei Saperi. Ha tre fonti di apprendimento: i libri, la lunga esperienza di formatrice con i manager, i figli adolescenti, che la pongono ogni giorno di fronte all’inatteso. Da febbraio 2020 si aggiunge anche il Covid19 che le ha permesso di scrivere due libri: “Lingua, estetica della soglia” (Fefé editore 2021) e “Leadership di cura, dal controllo alle relazioni” (Vita e Pensiero 2021)

PAOLO ANTONINI

Nel gennaio 2016 fonda ArtsFor_ con Valeria Cantoni e Camilla Invernizzi. Nel 2008 entra in Trivioquadrivio dove si è occupato di apprendimento organizzativo e di ideazione di progetti di comunicazione su base nazionale e internazionale e festival culturali sul territorio. In ambito formativo progetta programmi formativi anche attraverso l’ideazione di Art Based Programs che utilizzano cinema, teatro, musica e arti figurative come strumenti formativi in contesti business. È ideatore del metodo Mind Fitness, dedicato all’apprendimento organizzativo attraverso la lettura di opere d’arte contemporanea. È facilitatore certificato della metodologia Lego Serious Play. È socio fondatore dell’associazione Art For Business.