Salta al contenuto principale

Digital Detox

Obiettivi

Non è più una sorpresa per nessuno che gli smartphone abbiano cambiato la nostra vita personale, relazionale e lavorativa. Ci fanno sentire meno produttivi, più ansiosi e un po’ narcisisti, dove gli scroll riempiono le nostre giornate. Allunghiamo la mano verso il comodino e afferriamo lo smartphone: queste secondo i dati le prime azioni che il 70% della popolazione italiana compierebbe appena sveglia. Senza neanche doverci alzare dal letto rispondiamo alle mail, controlliamo il meteo, facciamo gli auguri su Facebook. 

Una "relazione complicata" dunque quella con il digitale, che si insinua nella nostre vite fino a quasi monopolizzarle. Ma è possibile trovare un equilibrio nel caos della trasformazione digitale in cui siamo immersi fino al collo?

Il termine digital detox crea talvolta un po’ di confusione, in quanto esprime una disintossicazione dal digitale. Ma è realmente ciò di cui abbiamo bisogno?

Ciò che si rende necessario è vivere al meglio la relazione con il più grande strumento rivoluzionario della storia umana: è quindi fondamentale vivere un rapporto consapevole con il digitale e, di coseguenza, plasmare un equilibrio tra life e online. Non esiste un momento particolare che ci fa comprendere che è venuto il momento di cambiare o iniziare un percorso di consapevolezza al digital detox. Ognuno di noi arriva a un punto di “rottura” e comprende che è arrivato il momento di cambiare alcuni comportamenti. 

 

Networking: superare le distanze

E chi l'ha detto che non sia possibile fare networking a distanza? Anche in versione 2.0, l'obiettivo di fondo è quello di stimolare la condivisione di skills, conoscenze ed esperienze dei manager, in una vera e propria ottica di apprendimento partecipato e collaborativo. 

Se da un lato cercare di accrescere la propria conoscenza è di fondamentale importanza per garantire una certa longevità professionale, dall’altro lato risulta ormai sempre più chiaro che affinché ciò sia possibile è necessario che la conoscenza venga condivisa e resa quindi accessibile a chiunque voglia fruirne: ciò a cui si assiste oggi è un vero e proprio processo di condivisione di esperienza tra pari, andando di conseguenza a favorire la generazione di dinamiche collaborative e altamente proficue.

Ecco che  l’approccio alla formazione evolve ulteriormente, rendendo tutte le attività parte integrante ed imprescindibile di un processo più ampio che si basa sulla partecipazione dei dirigenti alla creazione del proprio percorso di apprendimento: non solo partecipanti, quindi, ma veri e propri co-designer della propria esperienza.

DOCENTE

ALESSIO CARCIOFI

Docente di marketing e comunicazione digitale presso l’Università degli Studi di Perugia e l’Università degli Studi di Pisa. Ha collaborato con aziende, organizzazioni e PA nei processi della digital transformation.

Oggi, grazie al suo innovativo progetto di Digital Wellbeing aiuta le organizzazioni a migliorare radicalmente le prestazioni, ispirare l’innovazione e migliorare la resilienza allo stress. La mission è aiutare le persone e le aziende a vivere l’innovazione digitale in maniera consapevole e sostenibile.

Ha sviluppato una metodologia efficace e unica nel panorama corporate che aiuta il management a comprendere e gestire l’attenzione e la complessità del lavoro 24/7. Ha scritto due libri sul tema. L’ultimo è "Digital Detox: focus e produttività per i manager nell’era delle distrazioni digitali", edito da Hoepli.

Corsi correlati