Salta al contenuto principale

Future ready

Le sei traiettorie per rilanciare la competitività

Obiettivi

La pandemia attraverso cui siamo passati deve essere letta non solo come una profonda crisi ma anche e soprattutto come un'opportunità di cambiamento. Le aziende hanno ora l’imperdibile e imprescindibile occasione di ridisegnare i propri modelli di business affinché siano a prova di futuro.

Ma per diventare imprese “future ready” occorre avviare il ridisegno del proprio modello di business lungo sei traiettorie di intervento strategico che presenteremo durante l’evento: “from panic to purpose”, “from prediction to preparedness”, “from transaction to interaction”“from asset to subscription”, “from vertical to horizontal”, e infine “from organization to organizing”

Sei traiettorie strategiche che intendono fornire una guida utile alle imprese italiane, piccole e grandi, per (ri)disegnare i loro modelli di business rilanciando la loro competitività.

RELATORE

FERNANDO ALBERTI

Professore Ordinario di Economia Aziendale presso la LIUC – Università Cattaneo, dove dirige l’Institute for Entrepreneurship and Competitiveness e il percorso di Laurea Magistrale in Entrepreneurship and Innovation. È Institutes Council Leader e Affiliate Faculty Member presso l’Istituto di Strategia e Competitività diretto dal Prof. M.E. Porter alla Harvard Business School, dove coordina l’attività dei centri e istituti aderenti al network Microeconomics of Competitiveness. Dirige l’Osservatorio Nazionale sulla Competitività delle Imprese dei Servizi per CFMT.

INTERVISTA

NICOLA SPAGNUOLO

Nicola Spagnuolo è direttore di CFMT Centro di Formazione e Management del Terziario.
Esperto di processi formativi ha ricoperto, per circa tre anni, la direzione del settore sviluppo associativo di Confcommercio nazionale, organo italiano di rappresentanza delle imprese impegnate nel commercio, nel turismo e nei servizi. Dal 2006 al 2016 è stato direttore generale Iscom Emilia Romagna, l’ente di formazione di Confcommercio - Imprese per l’Italia dell’Emilia Romagna, ed è stato Presidente per la Fondazione I.T.S. “Turismo e Benessere”.