Salta al contenuto principale

Il Manager in equilibrio

Imparare ad ascoltare la stanchezza e le emozioni e metterle al servizio del gruppo

Contenuti

Essere stanchi e riposarsi non solo è lecito  ma è necessario per riequilibrare le energie proprie e del team.

In fase di ripartenza, per uscire da quello stato di languishing, languore, stanchezza d’animo, di cui parla Adam Grant per descrivere lo stato d’animo collettivo attuale, è importante imparare a valutare le proprie energie e quelle del team, a riconoscere l’origine di certe emozioni e ad attivare azioni e strategie per rimettersi in equilibrio.

Le emozioni hanno un forte impatto sulle nostre energie, ma anche la qualità delle relazioni così come le modalità di lavoro che sono cambiate e ora cambieranno nuovamente.

Oltre ad aiutare a riconoscere l’origine della stanchezza e le sue conseguenze sulla qualità della vita e del lavoro, nel weblab lavoreremo per comprendere come rigenerarsi e rigenerare gli altri a partire da un’idea di ritmo lavoro-riposo più sostenibile.

Obiettivi e metodologia

Il web lab ha l'obiettivo di riequilibrare il ritmo tra lavoro e riposo anche con azioni e strategie controintuitive per poter recuperare idee, energia, emozioni positive, rieducando a promuovere una cultura del vero riposo a tutti i livelli dell’organizzazione.

Tre ore da trascorrere insieme, tra momenti frontali, dialoghi in sotto-aule ed esercizi in gruppo per creare un vademecum rieducativo per stare in equilibrio e aiutare gli altri a raggiungerlo.

Docente

VALERIA CANTONI

Presidente di ArtsFor, società che a partire dall’incontro tra le humanities e le diverse discipline crea progetti culturali e percorsi di cambiamento e apprendimento organizzativo incentrati sullo sviluppo della persona nella sua integralità. Filosofa e mediatrice umanistica del conflitti, approccio che ha applicato alle organizzazioni per promuovere “Leading by heart”, progetto formativo per una leadership inclusiva che sa creare ambienti di lavoro emotivamente sicuri, fertili e antifragili. Dal 2007 è docente del corso "Arte e Impresa" all'Università Cattolica di Milano e dal 2015 è membro del CDA della Fondazione Adolfo Pini, dove ha ideato e dirige il progetto Casa dei Saperi, un luogo di apprendimento continuo e scambio pluri-disciplinare tra e con i millennial sui tema della contemporaneità tra vita e lavoro. Ha tre fonti di apprendimento: i libri, la lunga esperienza di formatrice con i manager, i figli adolescenti, che la pongono ogni giorno di fronte all’inatteso. Da febbraio 2020 si aggiunge anche il Covid19.

Corsi correlati