Salta al contenuto principale

Nature-inspired Management

I workshop tematici

Obiettivi

La natura porta avanti da 3,8 miliardi di anni la vita sulla terra, affrontando cambiamenti sconvolgenti, innovando e generando continuamente un’incredibile varietà di risorse, per tutti gli abitanti della biosfera. Forse è ora di iniziare a guardare alle sue strategie, per importare nei nostri sistemi umani il meglio della sua genialità, e aiutarci a organizzare le nostre imprese in base a principi testati e validati da miliardi di anni di “ricerca e sviluppo”.
Principi tratti dalla biologia si integrano con il pensiero sistemico, per offrire strumenti concettuali e operativi a supporto dello sviluppo sostenibile dell’impresa.


Partecipando a questo ciclo di incontri:
▪ scoprirai alcuni dei principi che guidano l’organizzazione delle comunità naturali e il loro successo evolutivo, mettendo a fuoco un modo differente di concepire l’azienda come (eco)sistema organizzativo;
▪ verrai guidato dalla trainer a tradurre tali principi nel proprio quotidiano lavorativo attraverso domande mirate di coaching self-reflection.
 

E' possibile partecipare ai singoli workshop.

I temi trattati

• Centralizzazione o diffusioneIntelligenza collettiva e leadership distribuita. Gli organigrammi naturali.
• Controllo o empowerment? Regole, valori e obiettivi condivisi come strategie per la co-creazione di valore.
• Competizione o cooperazione? Il tema chiave della gestione delle risorse.
• Fallimento o apprendimento? Come nasce l’innovazione.
• Future-fit company: come prepararsi agli scenari futuri.

DOCENTE

DIANA TEDOLDI

Professional Certified Coach membro della International Coach Federation, co-fondatrice di Biomimicry For Business e fondatrice della Nature Coaching Academy, attraverso cui porta avanti programmi di formazione internazionali sull’intelligenza naturale applicata ai sistemi sociali e organizzativi. Ha studiato l’intelligenza vegetale con il prof. Stefano Mancuso, uscendo con il massimo dei voti dal Master “Futuro Vegetale” dell’Università di Firenze. Ha studiato biomimicry in Slovenia con Dayna Baumeister, co-fondatrice del Biomimicry Institute e una delle principali ricercatrici al mondo sull’applicazione dell’intelligenza della natura alle sfide tecnologiche, produttive, organizzative, ambientali e sociali che l’uomo si trova oggi a fronteggiare.